Italiano English La pagina ufficiale di San Leo su Facebook San Leo su twitter La pagina ufficiale di San Leo su Flickr Il canale Youtube ufficiale di San Leo Il profilo Instagram ufficiale di San Leo
  • Sito ufficiale del Comune di San Leo
  • Bandiere Arancioni
  • Borghi pi belli d'Italia
  • San Leo Comune Gioiello d'Italia
Eventi a San LeoManifestazioni San LeoArchivio eventi San LeoEventi a San LeoEventi a San LeoEventi a San Leo
« Vedi gli altri eventi in programma a San Leo

La città di San Leo premiata dal Ministro come Gioiello d'Italia

Il concorso, nato dalla collaborazione istituzionale tra il Dipartimento Affari Regionali, Turismo e Sport e l'Anci, con l'intento di valorizzare l'offerta turistica dei comuni di piccole e medie dimensioni (con popolazione non superiore ai 60.000 abitanti), ha visto la partecipazione di circa 350 concorrenti di tutte le regioni.

La città di San Leo premiata dal Ministro come Gioiello d'Italia

Lo scorso 12 febbraio a Roma, presso la sala conferenze di Palazzo Cornaro Sede del Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, c'era anche il Comune di San Leo nelle persone del Sindaco Mauro Guerra e dell'Assessore alla Cultura e Turismo Carla Bonvicini,  alla cerimonia nel corso della quale 21 eccellenze italiane hanno ottenuto il prestigioso titolo di “Gioielli d’Italia”.  La targa celebrativa della prima edizione del concorso è stata consegnata dal Ministro per gli Affari Regionali Piero Gnudi alla presenza, oltre che dei primi cittadini dei Comuni premiati, anche del Maestro Ermanno Olmi, Presidente del comitato di valutazione, di Franco Iseppi (Presidente Touring Club), di Claudio Ricci (delegato Anci),  Pierluigi Celli e Andrea Babbi ( rispettivamente Presidente e direttore Enit).

Il concorso, nato dalla collaborazione istituzionale tra il Dipartimento Affari Regionali, Turismo e Sport e l'Anci, con l'intento di valorizzare l'offerta turistica dei comuni di piccole e medie dimensioni (con popolazione non superiore ai 60.000 abitanti), ha visto la partecipazione di circa 350 concorrenti di tutte le regioni.

Gioielli d'Italia è un brand di qualità ed eccellenza per i comuni italiani con meno di 60mila abitanti creato dal Ministero degli affari regionali, il turismo e lo sport per rilanciare l'immagine dell'Italia come destinazione turistica, e per favorire in particolare quelle cittadine la cui valorizzazione ricettiva non è sviluppata o adeguatamente ottimizzata.

"E' finito purtroppo il tempo in cui potevamo cullarci pensando che il turismo in Italia sarebbe sempre arrivato perché siamo il Paese più bello del mondo, - ha dichiarato Gnudi. Oggi l'offerta turistica mondiale è vastissima e i turisti di altri continenti non sempre hanno una conoscenza dell'Italia pari a quella degli europei. Per questo dobbiamo promuovere il nostro Paese all'estero, segmentando l'offerta, inventando percorsi nuovi e valorizzando il nostro immenso patrimonio proprio con iniziative come questa".

Grazie a tale progetto i Comuni ora potranno entrare in un apposito circuito turistico e pubblicizzare il proprio status di Gioielli d’Italia anche tramite l’esposizione di logo creato appositamente per l’iniziativa e saranno oggetto di un costante monitoraggio da parte del Dipartimento al fine di assicurare che mantengano gli standard e le caratteristiche richieste dal bando per l'attribuzione del premio.

Da sottolineare l'esempio portato dal Maestro Olmi nel raccontare il tipo di accoglienza che si respira in questi piccoli Gioielli d'Italia. Il registra ha infatti paragonato la visita di un turista in un paese, all'ingresso di uno sconosciuto nelle nostre mura domestiche. “Respirare e sentire gli odori ed i profumi di casa (dalla preparazione di un sugo allo sfornare una ciambella) sono i momenti che rendono quella visita unica e vera!”

I comuni vincitori saranno, inoltre, protagonisti di una campagna di promozione che sarà appositamente studiata e realizzata dall'ENIT.

“E’ un grande vanto per noi - dichiara il Sindaco Mauro Guerra - avere ricevuto questo esaltante riconoscimento. Per la Città di San Leo, capitale storica del Montefeltro, già definita da Umberto Eco "la città più bella d'Italia”, è un ulteriore, prestigioso traguardo che suggella l'impegno che da anni l'Amministrazione Comunale infonde nella attività turistica e culturale” 

Anche questo “marchio”, assieme a quelli già ottenuti di "Borghi più belli" e "Bandiere Arancioni" , sottolineano la vocazione turistica della città, tenuta sempre viva da una politica che unisce  accoglienza turistica a servizi, eccellenza paesaggistica e ricchezza storica e culturale. Il ricco patrimonio leontino riesce a proporsi al turista non solo come "oggetto" da raggiungere ma anche e soprattutto come "proposta di vita", come realtà da conoscere e godere in ogni suo aspetto.

“Le tantissime iniziative in cantiere dal Dipartimento Affari Regionali, Turismo e Sport ci vedranno protagonisti sia in Italia che all’estero – aggiunge l’Assessore al Turismo Carla Bonvicini – ed il risultato raggiunto con questo ulteriore riconoscimento ci obbliga a degli sforzi supplementari, ad avere una maggiore attenzione alla salvaguardia del nostro borgo e al potenziamento dei servizi relativi alla ricettività ed accoglienza, ma al tempo stesso ci dà la misura di quanto di buono è stato fatto fino ad oggi dall’Amministrazione Comunale”

San Leo, da ieri è diventata anche il primo "gioiello" di Romagna; un importante testimone per tutta la vallata e per il Montefeltro storico che appunto da San Leo prende l'avvio. Per San Leo la "proposta di visita" ed il "luogo di vita" per i suoi turisti ed i suoi abitanti sono casa e gioiello al contempo, rendendo vera l'emozione che nasce da un viaggio non solo fisico ma anche interiore.

Il premio è dedicato dall'Amministrazione comunale alla Comunità leontina e a tutti coloro (Enti, aziende, privati) che contribuiscono a sostenere le numerose attività turistico-culturali di San Leo.

ELENCO DEI COMUNI VINCITORI

BEVAGNA (Perugia) ab. 5.090

BOVA (Reggio Calabria) ab. 450

CAMPODIMELE (Latina) ab. 673

CASTELLABATE (Salerno) ab. 8.140

CASTELL'ARQUATO (Piacenza) ab. 4.728

CISTERNINO (Brindisi) ab. 11.894

ETROUBLES (Valle d'Aosta) ab. 498

GANGI (Palermo) ab. 7.176

GRADARA (Pesaro Urbino) ab. 4.636

MONTECOSARO (Macerata) ab. 6.585

MONTESCAGLIOSO (Matera) ab. 10.089

PESCHIERA DEL GARDA (Verona) ab. 9.847

PIENZA (Siena) ab. 2.190

ROMAGNESE (Pavia) ab. 754

SALA BAGANZA (Parma) ab. 5.322

SAN BENEDETTO PO (MANTOVA) ab. 7.748

SAN LEO (Rimini) ab. 3.034

SAN MARCO IN LAMIS (Foggia) ab. 14.576

SERMONETA (Latina) ab. 8.814

SPECCHIA (Lecce) ab. 4.942

SPILIMBERGO (Pordenone) ab. 12.140

 

 

Ufficio Turistico IAT, Piazza Dante 14, tel. 0541 926967 (numero verde 800 553 800).

e-mail: info@sanleo2000.it

www.san-leo.it

 

Gallery

  • Come raggiungere San Leo in Italia Come raggiungerci

    San Leo si trova nell'entroterra di Rimini nella parte meridionale dell'Emilia Romagna, racchiuso tra la Toscana, le Marche e la Repubblica di San Marino.
    Guarda la mappa »